Laurea Magistrale in Ingegneria dell'energia elettrica

Scheda del corso

Tipo di laurea Laurea Magistrale
Anno Accademico 2017/2018
Ordinamento D.M. 270
Codice 8611
Classe di corso LM-28 - INGEGNERIA ELETTRICA
Anni Attivi I, II
Modalità di erogazione della didattica Convenzionale
Tipo di accesso Prova di verifica dell’adeguatezza della preparazione​
Curricula

Il Corso di Studi è articolato nei seguenti curricula:

1) Ingegneria dell'Energia Elettrica (Impartito in lingua italiana)
2) Electrical Engineering (Impartito in lingua inglese)

Sede didattica Bologna
Tipologia Corso con uno o più curricula internazionali
Coordinatore del corso Carlo Alberto Nucci
Docenti Elenco dei docenti
Lingua Italiano,Inglese

Requisiti di accesso e verifica delle conoscenze/preparazione


Per essere ammessi al corso di laurea magistrale in Ingegneria dell'energia elettrica occorre essere in possesso di requisiti curriculari e il superamento di una verifica dell’adeguatezza della personale preparazione.

Requisiti curriculari
Occorre essere in possesso di una laurea o del diploma universitario di durata triennale, ovvero di altro titolo di studio conseguito all'estero, riconosciuto idoneo in una delle classi determinate nel regolamento didattico del corso di studio.
In alternativa, essere in possesso di una laurea appartenente ad una classe differente da quelle indicate e avere acquisito i crediti formativi universitari nei settori scientifico-disciplinari indicati nei requisiti per l'accesso al corso definiti nel regolamento didattico di corso di studio.

Verifica dell’adeguatezza della personale preparazione
L’ammissione al corso di laurea magistrale è subordinata al superamento di una verifica dell'adeguatezza della personale preparazione che avverrà secondo le modalità definite nel regolamento didattico del corso di studio.

Verrà verificata, altresì, la conoscenza della lingua inglese secondo le modalità stabilite nel regolamento didattico di corso di studio.

Maggiori dettagli nel Regolamento del Corso di Studio

Obiettivi formativi specifici del corso e descrizione del percorso formativo

Il corso di Laurea magistrale in Ingegneria dell'Energia Elettrica si pone l'obiettivo specifico di fornire agli studenti una formazione di elevato livello tecnico-scientifico e professionale per l'esercizio di attività di alta qualificazione nell'ambito dell'ingegneria elettrica, con particolare riferimento alla produzione, gestione, conversione e utilizzo dell'energia elettrica da fonti convenzionali e rinnovabili, alla sua distribuzione mediante reti attive ed intelligenti nel contesto del mercato liberalizzato dell'energia elettrica, alla progettazione e produzione di sistemi di conversione elettromeccanica dell'energia, di impianti ed apparati elettrici ad elevata efficienza e al risparmio energetico conseguibile attraverso l'utilizzo su larga scala in ambito civile ed industriale di apparecchiature elettriche innovative, sia per concezione sia per materiali impiegati.
Il raggiungimento degli obiettivi qualificanti previsti per la classe LM-28 è ottenuto per i laureati magistrali in Ingegneria dell'Energia Elettrica attraverso un percorso formativo nel quale lo studente deve acquisire piena padronanza degli aspetti metodologici specialistici dell'ingegneria dell'energia elettrica, basati su conoscenze avanzate di elettromagnetismo applicato, sistemi elettronici di potenza, azionamenti elettrici, sistemi elettrici per l'energia, produzione dell'energia elettrica da fonti convenzionali e rinnovabili, tecnologie elettriche e strumentazione elettronica di misura. La cultura magistrale è integrata da materie di base ed affini e integrative volte alla definizione di una figura professionale interdisciplinare a largo spettro e da un'adeguata conoscenza della lingua inglese per la quale è necessario il conseguimento di un livello pari almeno al B2: possono essere previste sia l'acquisizione delle quattro abilità linguistiche (lettura, scrittura, ascolto e dialogo) sia la frequenza vincolata delle lezioni, secondo criteri che vengono specificati in itinere dal corso di studio in coerenza alle prescrizioni degli Organi Accademici. Sono fornite conoscenze di cultura d'impresa ed economia industriale ed ampio spazio viene riservato all'apprendimento dei moderni metodi di progettazione assistita, modellistica e simulazione. I laboratori sperimentali e le attrezzature informatiche, già presenti nella sede e in fase di ulteriore potenziamento, permetteranno di approfondire gli aspetti applicativi. Potranno anche essere svolte attività di preparazione alla Prova finale della laurea magistrale utilizzando la collaborazione con enti pubblici e privati presenti nel territorio.
I laureati magistrali in Ingegneria dell'Energia Elettrica acquisiscono nel percorso formativo la capacità di ideare, pianificare, progettare e gestire sistemi, apparecchi, processi e servizi complessi e/o innovativi ad elevato contenuto tecnologico elettrico.
La figura professionale di riferimento del piano formativo del Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria dell'Energia Elettrica è quella identificata nella categoria ISTAT della classificazione delle professioni al punto 2.2.1.3.0 - Ingegneri elettrotecnici e dell'automazione industriale. Previo superamento dell'Esame di Stato, in accordo con la vigente normativa, può iscriversi all'Albo degli Ingegneri Sezione A Settore b) industriale.
I laureati magistrali in Ingegneria dell'Energia Elettrica hanno ampie possibilità di impiego, potendosi proficuamente inserire in tutti gli ambiti lavorativi, dove sono presenti sistemi ed apparecchi elettrici e sistemi elettronici di potenza, anche di elevata complessità. In particolare, il profilo formativo dei laureati magistrali in Ingegneria dell'Energia Elettrica consente loro di ricoprire ruoli tecnici, tecnico-dirigenziali nel campo della produzione, progettazione avanzata, pianificazione, programmazione e gestione di apparecchiature e macchinari elettrici, di sistemi elettrici per l'energia ed impianti per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili, di sistemi elettronici di potenza e di strumentazione elettronica di misura, in qualità di libero professionista, in forma sia individuale sia associata, o di dipendente nelle imprese manifatturiere o di servizi e nelle amministrazioni ed imprese pubbliche.
I laureati magistrali in Ingegneria dell'Energia Elettrica, grazie alla solida preparazione di base ed alla cultura tecnica e scientifica di alto livello acquisite, possono inserirsi prontamente e proficuamente nel mondo del lavoro o approfondire le loro conoscenze e competenze mediante prosecuzione degli studi in Master universitari di II livello o in corsi di Dottorato di Ricerca in aree ingegneristiche e scientifiche.

Risultati di apprendimento attesi

CONOSCENZA E CAPACITÀ DI COMPRENSIONE:

AREA DI APPRENDIMENTO: CONOSCENZE APPROFONDITE DI BASE
Il laureato magistrale in Ingegneria dell'Energia Elettrica:
- Possiede un'approfondita preparazione ingegneristica nell'ambito dell'area industriale – in generale – ed in quella dell’energia elettrica – più in particolare – fondata su solide basi fisico-matematiche, integrata da adeguate conoscenze ingegneristiche di valenza interdisciplinare, da conoscenze di cultura d'impresa ed economia industriale e di lingua inglese
- Conosce approfonditamente gli aspetti metodologici delle discipline caratterizzanti l'ambito più specifico dell'Ingegneria Elettrica, indispensabili per l'analisi, la gestione ed il progetto di componenti, macchine e sistemi industriali ed elettrici di elevata complessità
- Possiede un ampio background culturale e professionale per identificare, formulare e risolvere, anche in modo innovativo e spesso in un contesto di ricerca, problemi dell'Ingegneria dell'Energia Elettrica di elevata complessità o che richiedono un approccio interdisciplinare con appropriate conoscenze di meccanica, automatica ed elettronica
- Conosce i metodi, le tecniche e le normative relative alla sicurezza elettrica ed alla compatibilità elettromagnetica.

Il raggiungimento delle capacità di applicazione delle conoscenze sopraelencate è ottenuto attraverso la partecipazione a lezioni frontali, seminari ed esercitazioni, in aula o in laboratorio, lo svolgimento di progetti individuali o di gruppo, lo studio personale guidato e lo studio indipendente. La verifica del raggiungimento dei risultati di apprendimento avviene principalmente attraverso lo svolgimento di test, prove d'esame scritte o orali, esecuzione di progetti.

AREA DI APPRENDIMENTO: CONVERTITORI, MACCHINE ED AZIONAMENTO ELETTRICI
Il laureato magistrale in Ingegneria dell'Energia Elettrica:
- Conosce le metodologie di progetto dei principali tipi di macchine elettriche e sviluppa capacità critiche di analisi del funzionamento e della gestione di esse
- Conosce in modo approfondito le caratteristiche degli azionamenti elettrici, il loro funzionamento in regime permanente e transitorio e le loro applicazioni nel campo delle energie rinnovabili (energia eolica) e dell'automazione industriale
- Conosce la configurazione e il funzionamento dei principali sistemi per la propulsione elettrica, e sviluppa capacità critiche di analisi di essi dal punto di vista componentistico e dell’efficienza energetica
- Conosce approfonditamente i convertitori elettronici di potenza e le relative applicazioni nel campo delle energie rinnovabili, con particolare riguardo alla conversione fotovoltaica.

Il raggiungimento delle capacità di applicazione delle conoscenze sopraelencate è ottenuto attraverso la partecipazione a lezioni frontali, seminari ed esercitazioni, in aula o in laboratorio, lo svolgimento di progetti individuali o di gruppo, lo studio personale guidato e lo studio indipendente. La verifica del raggiungimento dei risultati di apprendimento avviene principalmente attraverso lo svolgimento di test, prove d'esame scritte o orali, esecuzione di progetti.

AREA DI APPRENDIMENTO: IMPIANTI ELETTRICI, SISTEMI ELETTRICI PER L'ENERGIA E TECNOLOGIE ELETTRICHE
Il laureato magistrale in Ingegneria dell'Energia Elettrica:
- Conosce in modo approfondito le caratteristiche degli impianti, dei sistemi, degli apparecchi e dei componenti elettrici, ed il loro funzionamento in regime permanente e in regime transitorio.
- Conosce la configurazione e il funzionamento dei principali sistemi per la produzione di energia elettrica e sviluppa capacità critiche di analisi del funzionamento e della gestione di essi sia dal punto di vista componentistico sia sistemistico.
- Conosce le tecniche di produzione dell'energia elettrica da fonti tradizionali e rinnovabili, la sua gestione, il trasporto, la distribuzione, la conversione ed utilizzazione.
- Conosce le tecniche predittive per determinare la vita utile e la manutenzione di componenti ed isolamenti dei sistemi elettrici.
- Conosce le tecniche di misura e collaudo degli impianti e dei sistemi elettrici.
- Conosce i metodi e le tecniche per il risparmio energetico in ambito elettrico.
- Conosce la Tecnica delle Alte tensioni e le Tecnologie dei materiali innovativi per l'energia elettrica e quelle basate sull'utilizzo dei plasmi.
- Conosce le caratteristiche, le problematiche e le potenzialità di sviluppo delle reti intelligenti (smart grid).

Il raggiungimento delle capacità di applicazione delle conoscenze sopraelencate è ottenuto attraverso la partecipazione a lezioni frontali, seminari ed esercitazioni, in aula o in laboratorio, lo svolgimento di progetti individuali o di gruppo, lo studio personale guidato e lo studio indipendente. La verifica del raggiungimento dei risultati di apprendimento avviene principalmente attraverso lo svolgimento di test, prove d'esame scritte o orali, esecuzione di progetti.


CAPACITÀ DI APPLICARE CONOSCENZA E COMPRENSIONE:

AREA DI APPRENDIMENTO: CONOSCENZE APPROFONDITE DI BASE
Il laureato magistrale in Ingegneria dell'energia elettrica:
- E' in grado di applicare le conoscenze acquisite riguardo gli aspetti metodologici fondamentali delle scienze di base all'analisi e alla risoluzione di problemi di elevata complessità nell'area dell'ingegneria industriale in generale e più in particolare dell'energia elettrica
- Sa applicare le conoscenze fisico-matematiche acquisite alla progettazione di impianti, sistemi e componenti elettrici di elevata complessità
- E' in grado di utilizzare criticamente e di sviluppare con una certa autonomia codici di calcolo per la simulazione del funzionamento di componenti, apparecchi e sistemi di potenza industriali/elettrici.

Il raggiungimento delle capacità di applicazione delle conoscenze sopraelencate è ottenuto attraverso le attività formative attivate. Le metodologie di insegnamento utilizzate comprendono la partecipazione a seminari ed esercitazioni, in aula o in laboratorio, lo svolgimento di progetti individuali o di gruppo, lo studio personale guidato e lo studio indipendente. La verifica del raggiungimento dei risultati di apprendimento avviene principalmente attraverso lo svolgimento di test, prove d'esame scritte o orali, esecuzione di progetti.

AREA DI APPRENDIMENTO: CONVERTITORI, MACCHINE ED AZIONAMENTO ELETTRICI
Il laureato magistrale in Ingegneria dell'energia elettrica:
- E' in grado di progettare e simulare al calcolatore macchine elettriche di tipo statico (trasformatori) o rotante (motori ad induzione)
- E' in grado di ideare, simulare al calcolatore e progettare azionamenti elettrici per applicazioni nel campo dell'ingegneria dell'energia elettrica e dell'automazione
- E' in grado di ideare e progettare, anche con l'utilizzo dei moderni metodi di progettazione assistita, sistemi elettronici di potenza, anche complessi e/o innovativi, per la conversione statica dell'energia elettrica con particolare riguardo alla conversione fotovoltaica
- E' in grado di ideare e progettare, anche con l'utilizzo dei moderni metodi di progettazione assistita, sistemi per la propulsione elettrica, anche complessi e/o innovativi.

Il raggiungimento delle capacità di applicazione delle conoscenze sopraelencate è ottenuto attraverso le attività formative attivate. Le metodologie di insegnamento utilizzate comprendono la partecipazione a seminari ed esercitazioni, in aula o in laboratorio, lo svolgimento di progetti individuali o di gruppo, lo studio personale guidato e lo studio indipendente. La verifica del raggiungimento dei risultati di apprendimento avviene principalmente attraverso lo svolgimento di test, prove d'esame scritte o orali, esecuzione di progetti.

AREA DI APPRENDIMENTO: IMPIANTI ELETTRICI, SISTEMI ELETTRICI PER L'ENERGIA E TECNOLOGIE ELETTRICHE
Il laureato magistrale in Ingegneria dell'energia elettrica:
- E' in grado di applicare le conoscenze fisico-matematiche acquisite alla progettazione di impianti, sistemi e componenti elettrici anche di elevata complessità e/o innovativi.
- E’ in grado di utilizzare criticamente e sviluppare in autonomia codici di calcolo per la simulazione del funzionamento di componenti, apparecchi e sistemi elettrici di potenza anche di elevata complessità.
- E’ in grado di ideare e progettare idonei sistemi automatici di misura (anche distribuiti) per sistemi elettrici di potenza e di saper valutare l'incertezza associata ai risultati di misura.
- Sa ideare, pianificare, progettare e gestire impianti di produzione dell'energia elettrica, anche innovativi e distribuiti, e sistemi di trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica, anche mediante reti attive ed intelligenti (smart grid).
- E' in grado di ideare e condurre esperimenti, collaudi e controlli di qualità, anche di elevata difficoltà, e di interpretarne i dati.
- E' in grado di utilizzare le tecniche di manutenzione predittiva per ottimizzare la gestione del ciclo di vita delle infrastrutture elettriche.
- E' in grado di formulare l'analisi economica di soluzioni alternative in problemi ingegneristici del settore.
- E' in grado di operare scelte e proporre soluzioni nell'ambito del libero mercato dell'energia elettrica.

Il raggiungimento delle capacità di applicazione delle conoscenze sopraelencate è ottenuto attraverso le attività formative attivate. Le metodologie di insegnamento utilizzate comprendono la partecipazione a seminari ed esercitazioni, in aula o in laboratorio, lo svolgimento di progetti individuali o di gruppo, lo studio personale guidato e lo studio indipendente. La verifica del raggiungimento dei risultati di apprendimento avviene principalmente attraverso lo svolgimento di test, prove d'esame scritte o orali, esecuzione di progetti.


AUTONOMIA DI GIUDIZIO (MAKING JUDGEMENTS)

Il laureato magistrale in Ingegneria dell'Energia Elettrica:
- è capace di identificare, formulare e risolvere problematiche correlate alla progettazione, gestione ed adeguamento delle funzionalità di apparecchi e sistemi elettrici e di sistemi elettronici di potenza, anche qualora presentino caratteristiche non convenzionali;
- è in grado di aggiornarsi, ricorrendo alla letteratura specializzata, su metodi, tecniche e strumenti nel campo dell'ingegneria dell'energia elettrica e industriale in genere;
- è capace di focalizzare i contributi essenziali di relazioni tecnico-scientifiche, presentate o redatte da interlocutori, e di estrapolarne gli aspetti qualificanti ed innovativi;
- è capace di comprendere articoli pubblicati nella letteratura tecnico-scientifica e di formulare un giudizio autonomo sulla loro rilevanza ed implicazione;
sa reperire, consultare, anche via WEB, le principali fonti bibliografiche, le normative nazionali, europee e internazionali riguardanti la standardizzazione e certificazione di prodotti e sistemi del settore.
Le abilità di autonomia di guidizio sopraelencate sono raggiunte attraverso la partecipazione ad attività formative organizzate nell'ambito "Ingegneria elettrica" e ad ulteriori attività formative che includono tirocini o laboratori specifici e la preparazione della prova finale. Le metodologie di insegnamento utilizzate comprendono la partecipazione a seminari ed esercitazioni, in aula o in laboratorio, lo svolgimento di progetti individuali o di gruppo, lo studio personale guidato e lo studio indipendente. La verifica del raggiungimento dei risultati di apprendimento avviene principalmente attraverso lo svolgimento di test, prove d'esame scritte o orali, esecuzione di progetti.


ABILITÀ COMUNICATIVE (COMMUNICATION SKILLS)

Il laureato magistrale in Ingegneria dell'Energia Elettrica:
- è capace di comunicare in modo efficace e puntuale, in forma scritta e orale, anche in lingua inglese (livello B2), dati, informazioni, problematiche, idee e soluzioni di natura tecnico-scientifica ad interlocutori specialisti e non specialisti, anche con professionalità diversa dalla sua;
- è capace di redigere relazioni tecnico-scientifiche sulle attività svolte e di presentarne dettagliatamente i risultati salienti in discussioni collegiali;
- è in grado di inserirsi proficuamente nel team di progettazione, collaudo, gestione e verifica delle prestazioni di apparecchi e sistemi elettrici, ed eventualmente di coordinarlo.
Le abilità di comunicazione sopraelencate sono raggiunte attraverso la partecipazione ad attività formative organizzate negli ambiti caratterizzanti e ad ulteriori attività formative che includono il tirocinio o laboratori specifici, l'acquisizione di una competenza nella lingua inglese pari almeno al livello B2 e la preparazione della prova finale. Le metodologie di insegnamento utilizzate comprendono la partecipazione ad esercitazioni in aula o in laboratorio, lo svolgimento di progetti di gruppo e lo studio personale guidato. La verifica del raggiungimento dei risultati di apprendimento avviene principalmente attraverso lo svolgimento di prove d'esame scritte o orali e l'esecuzione di progetti.

Potranno essere previste sia l'acquisizione delle quattro abilità linguistiche (lettura, scrittura, ascolto, e dialogo) sia la frequenza vincolata delle lezioni, secondo criteri che verranno specificati in itinere dal corso di studi, in coerenza alle prescrizioni degli Organi accademici.


CAPACITÀ DI APPRENDIMENTO (LEARNING SKILLS)

Il laureato magistrale in Ingegneria dell'Energia Elettrica:
- è capace di mantenersi aggiornato su metodi, tecniche e strumenti, anche originali ed innovativi, orientati all'analisi dei requisiti, alla modellazione e progettazione, al collaudo e messa a punto, all'ottimizzazione delle prestazioni di componenti, apparecchi e sistemi elettrici;
- è capace di intraprendere, con un elevato grado di autonomia, studi più avanzati in settori dell'Ingegneria Industriale e dell'Ingegneria dell'Informazione.
Al raggiungimento delle capacità di apprendimento sopraelencate contribuiscono attività formative organizzate in tutti gli ambiti disciplinari individuati nel presente ordinamento e in particolare quelle parzialmente svolte in autonomia.
Le specifiche metodologie di insegnamento utilizzate comprendono, tra l'altro, l'attività di tutoraggio. La verifica del raggiungimento delle capacità di apprendimento è oggetto delle diverse prove d'esame previste nel corso.

Attività tirocinio

La Scuola di Ingegneria e Architettura offre ai propri studenti la possibilità di svolgere un tirocinio curriculare per acquisire i Crediti Formativi Universitari (CFU) previsti nella programmazione didattica del Corso di Studio.
Il tirocinio curriculare è un periodo di formazione professionalizzante rivolto agli studenti per il completamento della formazione universitaria, può essere facoltativo oppure obbligatorio e svolto presso strutture interne o esterne all'Università, in Italia e all'estero. Per i Corsi di Studio che lo prevedono è anche possibile effettuare un tirocinio curriculare finalizzato alla preparazione della prova finale/tesi di laurea.
Il tirocinio formativo e di orientamento è uno strumento facoltativo riservato ai neolaureati da non oltre 12 mesi, finalizzato alla conoscenza diretta del mondo del lavoro.
Per maggiori informazioni consulta la sezione del sito web di Scuola dedicata ai tirocini oppure contatta l' Ufficio Tirocini .

Attività extra curriculari

Mobilità internazionale

Nell'ambito della formazione la Scuola promuove annualmente l'attivazione di programmi e accordi internazionali per permettere a studenti e laureati di trascorrere un periodo di studio, ricerca o tirocinio all'estero presso enti e università europee ed extraeuropee.
Per conoscere i dettagli delle varie opportunità gli studenti possono contattare l' Ufficio Mobilità Studentesca Internazionale.

Prova finale

Modalità di svolgimento della prova finale
Per l'ammissione alla prova finale lo Studente deve avere acquisito tutti i crediti formativi previsti dall'Ordinamento Didattico per le attività diverse dalla prova finale, distribuiti nelle diverse tipologie secondo le indicazioni del Regolamento.
La prova finale consiste nella discussione di un elaborato scritto redatto dallo studente su un argomento concordato con un docente dell'Ateneo e coerente con gli obiettivi formativi del Corso, sostenuta davanti a una Commissione. L'elaborato di tesi di laurea magistrale deve evidenziare una congrua attività svolta dallo studente sia nell'approfondimento della materia e degli strumenti modellistico-sperimentali ad essa associati, sia nello sviluppo autonomo di risultati tecnici e/o pratici.
Il voto di laurea magistrale è espresso in centodecimi. E' previsto il conferimento della lode a giudizio unanime della Commissione.
Il corso di studio, su richiesta dello studente, può consentire, con le procedure stabilite dal Regolamento generale di Ateneo per lo svolgimento dei tirocini o dai programmi internazionali di mobilità per tirocinio, e in conformità alle norme comunitarie, lo svolgimento di un tirocinio finalizzato alla preparazione della tesi di laurea o comunque collegato ad un progetto formativo mirato ad affinare il suo processo di apprendimento e formazione.
Tali esperienze formative che non dovranno superare la durata di 6 mesi e dovranno concludersi entro la data del conseguimento del titolo di studio, potranno essere svolte prevedendo l'attribuzione di crediti formativi:
• nell'ambito di quelli attribuiti alla prova finale;
• per attività di tirocinio previsto dal piano didattico;
• per attività a scelta dello studente configurabili anche come tirocinio;
• per attività aggiuntive i cui crediti risultino oltre il numero previsto per il conseguimento del titolo di studio.

Accesso a ulteriori studi

Il titolo dà accesso agli studi di terzo ciclo (Dottorato di ricerca e Scuola di specializzazione) e ai master universitari di I e II livello.

Sbocchi occupazionali

PROFILO PROFESSIONALE:
Ingegnere dell'Energia Elettrica

FUNZIONE IN UN CONTESTO DI LAVORO:
Esperto e/o responsabile di alta qualificazione e specializzazione che opera nella produzione, modellazione, progettazione avanzata, pianificazione, programmazione e gestione di sistemi complessi e/o innovativi ad elevato contenuto tecnologico elettrico.

- Esegue la modellazione e progettazione avanzata di componenti, apparecchi e macchinari elettrici e sistemi elettronici di potenza relativi ad articoli o prodotti commerciali di elevata complessità nell'ambito delle industrie elettriche, elettromeccaniche, meccaniche, per l'automazione industriale e la robotica e manifatturiere in genere.
- Controlla l'affidabilità e la qualità di processo e di prodotto in ambito industriale.
- Assume la diretta responsabilità dei reparti di Ricerca e Sviluppo in ambito industriale. Si occupa delle attività di laboratorio, seguendo la sperimentazione su componenti e apparecchiature elettriche ed elettroniche di potenza: utilizza apparati di misura, anche di elevata complessità, impiega metodi di simulazione numerica, definisce i protocolli di verifica e collaudo e coordina le operazioni di collaudo.
- Si occupa del progetto, dell'esercizio e della manutenzione delle centrali elettriche e degli impianti di generazione distribuita dell'energia elettrica da fonti rinnovabili e del loro interfacciamento con la rete elettrica nazionale.
- Si occupa della progettazione, pianificazione e gestione dei sistemi elettrici di trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica.
- Si occupa della progettazione, pianificazione e gestione degli impianti e reti per i sistemi elettrici di trasporto.
- Partecipa a progetti di ricerca su sistemi innovativi e sperimentali ad elevato contenuto tecnologico elettrico nell'ambito di enti di ricerca.
- Risolve problematiche ed esegue prove, anche non convenzionali, relative alla diagnostica di apparecchiature elettriche, alla compatibilità elettromagnetica ed alla sicurezza elettrica.
- Si occupa di qualità dell'energia elettrica, di risparmio energetico, di energy management e di energy trading nel mercato liberalizzato dell'energia elettrica.

COMPETENZE ASSOCIATE ALLA FUNZIONE:
Tra le principali competenze dell’ingegnere dell'energia elettrica si menzionano:
- conoscenza approfondita degli aspetti applicativi della matematica, della fisica e delle altre scienze di base finalizzate all'interpretazione e alla risoluzione dei problemi dell'elettromagnetismo applicato e della compatibilità elettromagnetica;
- conoscenza approfondita dei sistemi di produzione dell'energia elettrica a combustibili fossili ed alternativi – e.g. impianti fotovoltaici, eolici e celle a combustibile – sotto il profilo del loro funzionamento, della loro gestione e della loro progettazione;
- conoscenza approfondita dei convertitori, delle macchine, degli azionamenti elettrici, dei sistemi di propulsione elettrica e del loro funzionamento in regime stazionario e transitorio e delle tecniche per il loro controllo;
- conoscenza approfondita del funzionamento in regime permanente, dinamico, e in condizioni transitorie dei sistemi elettrici di potenza comprendenti centrali di generazione, reti elettriche di trasmissione e distribuzione e delle tecniche per il loro esercizio;
- conoscenza approfondita delle tecniche numeriche per la simulazione al calcolatore del funzionamento dei convertitori, delle macchine, degli azionamenti elettrici e dei sistemi elettrici di potenza;
- conoscenza approfondita delle metodologie di progettazione delle macchine elettriche, nonché delle tecniche di misura e collaudo di esse e degli impianti elettrici;
- conoscenza approfondita della strumentazione elettronica di misura e dei sensori;
- conoscenza approfondita della tecnica delle alte tensioni e dell'ingegneria dei plasmi;
- conoscenze nel campo dell'economia dell’impresa e della gestione degli 'asset' tecnologici;
- capacità di identificare, formulare e risolvere anche in modo innovativo, problemi complessi o che richiedono un approccio inter-disciplinare;
- capacità di auto-apprendimento e di aggiornamento continuo;
- conoscenze di contesto e capacità trasversali.

SBOCCHI OCCUPAZIONALI:
I principali sbocchi occupazionali e professionali previsti per l'ingegnere dell’energia elettrica sono quelli dell'innovazione e dello sviluppo della produzione, progettazione avanzata, pianificazione, programmazione e gestione di sistemi complessi ad elevato contenuto tecnologico elettrico, sia nella libera professione, individuale o associata, sia nelle imprese manifatturiere o di servizi e nelle amministrazioni ed imprese pubbliche. In particolare, i laureati magistrali possono trovare occupazione presso:
- industrie per la produzione di apparecchiature e macchinari elettrici;
- industrie per la produzione di sistemi elettronici di potenza;
- imprese ed enti per la produzione, trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica;
- imprese ed enti per la progettazione, pianificazione, esercizio e controllo di sistemi elettrici per l'energia;
- imprese ed enti per la progettazione, pianificazione, esercizio e controllo di impianti e reti per i sistemi elettrici di trasporto;
- industrie per l'automazione industriale e la robotica;
- industrie per la produzione di strumenti di misura e di sensori di grandezze elettriche;
- imprese ed enti per la produzione e gestione di beni e servizi automatizzati;
- laboratori industriali;
- enti di ricerca pubblici e privati;
- enti normativi e di controllo;
- libera professione in forma sia individuale sia associata.

Gli ingegneri dell'Energia Elettrica possono trovare occupazione anche nel settore dell'ingegneria civile/edile.
Nella regione Emilia Romagna, sede di una delle maggiori concentrazioni di piccole e medie imprese della Nazione, le competenze fornite dal Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria dell'Energia Elettrica sono richieste e apprezzate non solo dalle industrie e dai servizi pubblici e privati specifici del settore, ma anche da quelli di un'area tecnologica più vasta, quali le aziende meccaniche, elettromeccaniche, aziende costruttrici di macchine automatiche e manifatturiere, molto rappresentate nel territorio, oltre che dalle società di ingegneria e studi tecnici associati.


Parere delle parti sociali

Per visionare le consultazioni con le parti sociali che il Corso di Studio ha effettuato dall' a.a. di prima istituzione sino ad oggi, si rimanda alla lettura dei rispettivi quadri nelle schede complete SUA-CdS, pubblicate sul sito Universitaly ( http://www.universitaly.it/)



Ulteriori informazioni

Contatti e recapiti utili

Per informazioni di carattere amministrativo gli studenti possono contattare:

Segreteria Studenti
Ufficio Didattico
Ufficio Tirocini
Ufficio Mobilità Studentesca Internazionale

Per informazioni sul corso di studio gli studenti possono contattare il tutor del corso .
Per avere informazioni sui crediti riconoscibili, in caso di passaggio, trasferimento o seconda laurea gli studenti possono contattare:
Dott. Leonardo Sandrolini
Prof. Roberto Tinarelli