Laurea Magistrale in Ingegneria elettronica e telecomunicazioni per l’energia

Scheda del corso

Tipo di laurea Laurea Magistrale
Anno Accademico 2018/2019
Ordinamento D.M. 270
Codice 8770
Classe di corso LM-29 - INGEGNERIA ELETTRONICA
Anni Attivi

I, II

Modalità didattica Convenzionale (lezioni in presenza)
Curricula

Il corso è articolato nei seguenti curricula:

1. Ingegneria Elettronica e Telecomunicazioni per l'Energia

2. Information and Communication Technology for Climate

Sede didattica Cesena
Coordinatore del corso Alberto Bellini
Docenti Elenco dei docenti
Lingua Italiano

Requisiti di accesso e verifica delle conoscenze/preparazione

Requisiti per l'accesso al Corso
Per essere ammessi al Corso di Laurea Magistrale è necessario soddisfare, nell'ordine, i requisiti curriculari e quelli sull'adeguatezza della personale preparazione. Se i requisiti curriculari non sono soddisfatti, l'accesso al Corso di Laurea Magistrale è precluso. Se i requisiti curriculari sono soddisfatti, viene verificata l'adeguatezza della personale preparazione. Se tale verifica ha esito positivo, l'accesso al Corso di Laurea Magistrale è consentito. I requisiti curriculari e la modalità di verifica dell'adeguatezza della personale preparazione sono indicati qui di seguito.
Requisiti curriculari
L'accesso al Corso di Laurea Magistrale è consentito a:
a) Laureati nella classe Ingegneria dell'Informazione Scuola di Ingegneria e Architettura (classe 9 ex DM 509/1999 o classe L-8 ex DM 270/2004).
b) Laureati di primo o secondo livello, laureati secondo il previgente ordinamento, diplomati universitari di durata triennale secondo il previgente ordinamento, laureati in possesso di altro titolo di studio conseguito all'estero riconosciuto idoneo che soddisfano tutti i requisiti seguenti:
1. possessori di almeno 18 CFU globalmente nei Settori Scientifico-Disciplinari ING-INF/01, ING-INF/02, ING-INF/03.
2. possessori di almeno 36 CFU globalmente nei tre gruppi di Settori Scientifico-Disciplinari:
• MAT/02, MAT/03, MAT/05, MAT/06, MAT/07, MAT/08, MAT/09
• FIS/01, FIS/03
• ING-INF/05, INF/01, ING-INF/04
con un minimo di 9 CFU in ciascuno di tali gruppi di SSD.
Per la verifica dei suddetti requisiti curriculari nel caso di titolo di studio conseguito in Italia secondo previgenti ordinamenti didattici, o conseguito all'estero e riconosciuto idoneo, gli studi compiuti per conseguire tali titoli sono assegnati ai settori scientifico-disciplinari, valutati in crediti e riconosciuti dal Consiglio di Corso di Studio secondo i criteri indicati nel successivo Art. 8.
Verifica dell'adeguatezza della personale preparazione
I Laureati che soddisfano i requisiti curriculari del precedente punto a) hanno una personale preparazione considerata adeguata se in possesso di almeno uno dei seguenti requisiti:
1. voto di Laurea non inferiore a 105/110.
2. oppure voto di Laurea inferiore a 105/110 che soddisfano entrambi i requisiti:
i) Possesso di almeno 18 CFU globalmente nei Settori Scientifico-Disciplinari ING-INF/01, ING-INF/02, ING-INF/03.
ii) Possesso di almeno 9 CFU globalmente nei Settori Scientifico-Disciplinari ING-INF/05, INF/01, ING-INF/04.
Per il requisito curriculare b) la verifica è considerata positiva per i laureati con voto di laurea non inferiore a 85/110.
Per l'accesso al corso di studio è previsto l'accertamento delle conoscenze e competenze nella lingua inglese. Il corso di studio può prevedere che lo studente debba colmare un deficit iniziale di competenza linguistica qualora nella prova dimostri di possedere una competenza inferiore al livello B1.
Il corso di Laurea Magistrale potrà prevedere per gli studenti internazionali un'apposita sessione e la nomina di una commissione per la verifica dell'adeguatezza della personale preparazione, compatibilmente con le tempistiche previste dal bando per l'assegnazione delle borse di studio (la cui scadenza è prevista indicativamente nel mese di maggio).
Gli studenti internazionali, che abbiano ottenuto una valutazione positiva nella verifica di cui al punto precedente, sono esonerati dalla successiva prova di verifica dell'adeguatezza della personale preparazione prevista per la generalità degli studenti.

Obiettivi formativi specifici del corso e descrizione del percorso formativo

Il corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Elettronica e Telecomunicazioni per l'Energia è istituito allo scopo di fornire agli studenti una formazione di elevato livello culturale e professionale per l'esercizio di attività di alta qualificazione negli ambiti disciplinari dell'ingegneria elettronica e delle telecomunicazioni con applicazioni volte all'utilizzo efficiente delle risorse energetiche e ambientali, inclusi sistemi e dispositivi elettronici per la generazione di energia nonché sensori e reti di telecomunicazioni per il monitoraggio ambientale.
I laureati nella Laurea Magistrale in Ingegneria Elettronica e Telecomunicazioni per l'Energia hanno un'elevata preparazione culturale e professionale dal punto di vista funzionale, costruttivo, gestionale, ed economico:
- nell'ambito delle materie specifiche della classe;
- nella progettazione innovativa di dispositivi e componenti elettronici;
- nei sistemi elettronici per la generazione e l'elaborazione del segnale elettrico;
- negli apparati, sistemi e reti per le telecomunicazioni;
- nelle tecnologie ICT per la generazione e l'uso efficiente di energia;
- nelle tecnologie ICT per il monitoraggio e per il controllo ambientale.
La Laurea Magistrale in Ingegneria Elettronica e Telecomunicazioni per l'Energia si pone l'obiettivo specifico di formare figure professionali che occupino posizioni di responsabilità nell'ambito della progettazione, della direzione, del coordinamento e dello sviluppo delle attività industriali e/o di ricerca in Aziende ed Enti Pubblici o Privati, nonché nelle attività avanzate relative alla libera professione. Gli sbocchi professionali includono le aziende specificamente operanti nei campi dell'elettronica e delle telecomunicazioni, nell'applicazione delle tecnologie ICT all'efficienza energetica ed all'ambiente, nonché in ambiti industriali diversi e società che offrono servizi ad elevato contenuto tecnologico.
Le attrezzature informatiche ed elettroniche utilizzabili nei laboratori, già presenti nella sede e in fase di ulteriore incremento, permettono di approfondire gli aspetti applicativi. Possono essere svolte attività di tirocinio, utilizzando la collaborazione di Aziende o Enti pubblici e privati presenti sul territorio.
Il percorso degli studi in Ingegneria Elettronica e Telecomunicazioni per l'Energia, grazie alle solide basi e alla flessibilità derivanti dalla cultura tecnica e scientifica acquisibile durante il percorso formativo, può permettere un proficuo inserimento nel mondo del lavoro o l'approfondimento delle proprie competenze mediante prosecuzione degli studi nei Master di II livello o nei corsi di Dottorato nelle discipline connesse con l'Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni e, più in generale, con l'Ingegneria dell'Informazione.
Previo superamento dell'esame di stato, in accordo con la vigente normativa, il laureato magistrale in Ingegneria Elettronica e Telecomunicazioni per l'Energia può dedicarsi alla libera professione (studi di fattibilità, progettazione, arbitrati tecnici, perizie di parte o in qualità di esperto del Tribunale, ecc.), affrontando anche temi complessi che richiedano notevole competenza.

Ulteriori informazioni

Risultati di apprendimento attesi

CONOSCENZA E CAPACITÀ DI COMPRENSIONE:

AMBITO INGEGNERISTICO ELETTRONICO
Il laureato magistrale in Ingegneria Elettronica e Telecomunicazioni per l'Energia:
• ha conoscenze avanzate nella modellazione, progettazione, ottimizzazione, verifica e analisi, delle tecnologie elettroniche e microelettroniche.
• conosce approfonditamente la modellistica nella propagazione elettromagnetica e nella progettazione di circuiti a radio frequenza.
• conosce approfonditamente i meccanismi fisici e gli aspetti energetici relativi ai dispositivi elettronici per la generazione di energia mediante effetto fotovoltaico, energy harvesting piezoelettrico ed elettromagnetico.
• conosce i metodi e gli strumenti per la soluzione di problemi di ottimizzazione e decisione rilevanti per la progettazione e conduzione di sistemi e reti per la produzione e distribuzione di energia.

AMBITO INGEGNERISTICO PER LE TELECOMUNICAZIONI
Il laureato magistrale in Ingegneria Elettronica e Telecomunicazioni per l'Energia:
• conosce approfonditamente gli aspetti metodologici ed operativi della teoria dell'informazione, delle reti di telecomunicazione e dell'elaborazione dei segnali multimediali;
• conosce approfonditamente le architetture e le metodologie di progetto dei sistemi wireless, di Internet, delle applicazioni e dei servizi per Internet.
• conosce approfonditamente gli aspetti avanzati della progettazione di reti di sensori per monitoraggio ambientale e ottimizzazione energetica.


CAPACITÀ DI APPLICARE CONOSCENZA E COMPRENSIONE:

AMBITO INGEGNERISTICO ELETTRONICO
Il laureato magistrale in Ingegneria Elettronica e Telecomunicazioni per l'Energia:
• è in grado di applicare le conoscenze dei fenomeni di base della produzione di energia mediante dispositivi elettronici quale quelli a semiconduttore per la conversione fotovoltaica e per estrazione da radiazione elettromagnetica;
• è in grado di progettare dispositivi elettronici, circuiti e sistemi di comunicazione per l'efficienza energetica e l'ambiente utilizzando metodi di analisi e di simulazione al calcolatore, anche non convenzionali, e strumenti di misura;
• è in grado di gestire sistemi ICT avanzati per l'efficienza energetica ed il monitoraggio ambientale, con particolare riferimento alla progettazione elettronica dei sensori;
• è in grado di progettare circuiti integrati a radiofrequenza e a microonde utilizzando metodi di analisi e di simulazione al calcolatore, anche non convenzionali, e strumenti di misura.

AMBITO INGEGNERISTICO PER LE TELECOMUNICAZIONI
Il laureato magistrale in Ingegneria Elettronica e Telecomunicazioni per l'Energia:
• è in grado di applicare le tecnologie, i dispositivi e le infrastrutture elettroniche per l'acquisizione, il trattamento, la trasmissione e l'impiego di segnali in ambito civile, industriale e dell'informazione;
• è in grado di applicare le conoscenze dei fenomeni di base della propagazione libera e guidata delle onde elettromagnetiche, della emissione e della ricezione di segnali radio alla realizzazione di sistemi di telecomunicazioni;
• è in grado di gestire i sistemi avanzati di trasmissione wireless con particolare riferimento alla scelta delle tecniche trasmissive, alle problematiche di copertura spaziale del servizio, alla coesistenza di sistemi wireless e all'uso dello spettro radio nell'ambito delle normative internazionali;
• è in grado di progettare, dimensionare e gestire architetture, protocolli ed apparati delle moderne reti di telecomunicazioni, con specifico riferimento alle reti TCP/IP e Internet;
• è in grado di affrontare a livello operativo le moderne problematiche di integrazione dei servizi e di gestione della sicurezza nelle reti
• è in grado di simulare in laboratorio o realizzare prototipi di apparati e sistemi ICT per lo sviluppo sostenibile ed in particolare per l'energia e l'ambiente, valutandone le prestazioni con set-up sperimentali opportunamente progettati.


AUTONOMIA DI GIUDIZIO (MAKING JUDGEMENTS)

Il laureato magistrale in Ingegneria Elettronica e Telecomunicazioni per l’Energia:
• sa identificare, formulare e risolvere i problemi legati alla progettazione o alla produzione del prodotto aziendale, anche qualora quest'ultimo costituisca un articolo completamente nuovo per gli standard aziendali;
• è in grado di seguire il prodotto, anche innovativo e complesso, in tutto il processo produttivo, curando autonomamente anche gli aspetti funzionali ed economici;
• controlla l'affidabilità, la compatibilità e la qualità del processo e del prodotto e, nel contempo, si preoccupa di garantire l'innovazione e la collocazione nel mercato dei prodotti più avanzati;
• è in grado di analizzare e gestire sistemi di fabbricazione complessi, scegliendo con competenza i dispositivi e la strumentazione, valutando i costi e introducendo opportune innovazioni, nei processi, nell'attrezzature e nei sistemi di produzione industriali.

L'autonomia di giudizio viene sviluppata in particolare tramite esercitazioni guidate, seminari organizzati, preparazione di elaborati e tramite l'attività assegnata dal relatore per la preparazione della prova finale.

La verifica dell'acquisizione dell'autonomia di giudizio avviene tramite la valutazione della maturità dimostrata in sede d'esame e durante l'attività di preparazione della prova finale.


ABILITÀ COMUNICATIVE (COMMUNICATION SKILLS)

Il laureato magistrale in Ingegneria Elettronica e Telecomunicazioni per l'Energia:
• è capace di comunicare efficacemente in forma scritta e orale in Italiano e in Inglese;
• sa lavorare o integrarsi nel lavoro di gruppo, anche con il ruolo di dirigente o coordinatore; sa, quindi, interagire con soggetti e professionalità diverse dalla sua;
• è in grado di dirigere team di progettazione, individuando le soluzioni ottimali che permettono la realizzazione del prodotto;
• può partecipare con competenza alle trattative con il cliente insieme al settore vendite, suggerendo correttivi e adattamenti, prendendo iniziative autonome e interpretando con competenza le esigenze del compratore per trasformarle in opportune specifiche di progettazione.

Completa la preparazione del laureato l'acquisizione del livello linguistico inglese B2. Possono essere previste sia l'acquisizione delle quattro abilità linguistiche (lettura, scrittura, ascolto e dialogo) sia la frequenza vincolata delle lezioni, secondo criteri che verranno specificati in itinere dal corso di studio in coerenza alle prescrizioni degli Organi Accademici.

L'acquisizione delle abilità comunicative è ottenuta anche tramite la redazione della prova finale e la discussione della medesima.


CAPACITÀ DI APPRENDIMENTO (LEARNING SKILLS)

Il laureato magistrale in Ingegneria Elettronica e Telecomunicazioni per l’Energia:
• sa aggiornarsi su metodi, tecniche e strumenti del campo dell'ingegneria elettronica e delle telecomunicazioni con applicazioni all'energia ed all'ambiente, informandosi autonomamente o seguendo corsi di istruzione mirati per l'acquisizione di competenze aggiuntive;
• è in grado di intraprendere, con elevato grado di autonomia, ulteriori studi di approfondimento (ad es. Master di II livello) e/o attività di ricerca e/o attività accademiche.

Al raggiungimento delle capacità di apprendere contribuiscono attività formative organizzate in tutti gli ambiti disciplinari individuati nel presente
ordinamento e in particolare quelle parzialmente svolte in autonomia. Le specifiche metodologie di insegnamento utilizzate comprendono, tra l'altro, l'attività di tutoraggio.

La verifica del raggiungimento delle capacità di apprendimento è oggetto delle diverse prove d'esame previste nel corso.

Accesso a ulteriori studi

Dà accesso agli studi di terzo ciclo (Dottorato di ricerca e Scuola di specializzazione) e master universitario di secondo livello.

Sbocchi occupazionali

PROFILO PROFESSIONALE:
Ingegnere elettronico e delle telecomunicazioni.

FUNZIONE IN UN CONTESTO DI LAVORO:
La preparazione ingegneristica e tecnica specifica permettono al laureato Magistrale in Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni per l'Energia di indirizzarsi verso un'ampia varietà di sbocchi professionali, tanto nel contesto della produzione industriale quanto nell'area dei servizi al cittadino ed alle imprese:

• esperto e/o responsabile di alta qualificazione nella progettazione innovativa, modellazione e simulazione avanzata di dispositivi, apparati e sistemi elettronici;
• esperto e/o responsabile di alta qualificazione nella progettazione, pianificazione e gestione delle moderne tecnologie ICT per l'efficienza energetica ed il monitoraggio ambientale
• esperto e/o responsabile di alta qualificazione nella progettazione, pianificazione e gestione dei moderni sistemi di comunicazione;
• esperto e/o responsabile di alta qualificazione nella progettazione, pianificazione, amministrazione e gestione delle infrastrutture di rete ed i servizi di telecomunicazioni;
• esperto e/o responsabile di alta qualificazione nel processo di ingegnerizzazione di prodotto;
• esperto e/o responsabile di alta qualificazione dei processi tecnologici e dei sistemi di produzione innovativi.

COMPETENZE ASSOCIATE ALLA FUNZIONE:
• Capacità di operare in ambienti di ricerca, progetto e sviluppo confrontandosi con nuove frontiere della tecnologia, dove occorre non solo usare componenti e metodologie avanzati, ma svilupparne di nuovi, per realizzare applicazioni innovative o con rapporto costo/prestazioni ottimale
• Capacità di spaziare fra le conoscenze acquisite nei vari ambiti ingegneristici: informatico, elettronico e delle telecomunicazioni
• Capacità di condurre progetti complessi, con prestazioni al limite della fattibilità tecnologica, di sviluppare nuovi componenti e sottosistemi e di utilizzare procedure e metodi innovativi.

SBOCCHI OCCUPAZIONALI:
• industrie per la produzione di apparati e sistemi elettronici;
• industrie per la produzione di apparati, sistemi e reti di telecomunicazioni;
• enti ed aziende pubbliche e private per la gestione dei servizi di telecomunicazioni;
• aziende ed enti per la produzione, la gestione e la conversione dell'energia;
• industrie nel settore della produzione di sensori e del monitoraggio ambientale;
• industrie per la produzione e l'installazione di impianti;
• industrie per l'automazione e la robotica;
• industrie per il "packaging";
• enti di certificazione;
• industrie per la progettazione e lo sviluppo di prodotti ad elevato contenuto tecnologico;
• enti polifunzionali finalizzati alla gestione dell'energia e per la fornitura di servizi primari a privati e a grandi aziende;
• industrie per il confezionamento e la conservazione di prodotti alimentari e farmaceutici;
• industrie per lo sviluppo di software di ausilio alla progettazione elettrica ed elettronica, alla ingegneria inversa (reverse engineering), alla simulazione virtuale in genere;
• industrie per la realizzazione di macchine di prova e strumenti di misura destinati alla ricerca e alla produzione di massa;
• industrie per la produzione di macchine utensili.